Benvenuti nel nostro shop online!
 

ADR- Conciliazione Paritetica  a Difesa del Consumatore

 La nostra azienda Fifty srl ha aderito alla Conciliazione Paritetica. Nel caso vi sia una controversia tra il consumatore e Fifty srl non risolta entro i 30 giorni previsti dalla normativa, il consumatore potrà avvalersi gratuitamente della Conciliazione Paritetica dove una delle associazioni consumatori, o una a sua scelta, gestirà per suo conto la controversia. Per altre informazioni legga di seguito.

 

 

 

CONCILIAZIONE PARITETICA PER LA SOLUZIONE DELLE CONTROVERSIE TRA

 FIFTY SRL E IL CONSUMATORE FINALE

 

In data 17 luglio 2014 il Consorzio Netcomm, di cui Fifty srl è socia,  ha sottoscritto con le principali Associazioni dei Consumatori un Regolamento di Conciliazione Paritetica finalizzato a definire transattivamente le controversie inerenti l’acquisto online di prodotti e/o servizi, previa presentazione di un reclamo da parte del consumatore.

 

Il Regolamento di Conciliazione Paritetica ha previsto una Segreteria Tecnica di Conciliazione (con lo scopo di fornire il supporto logistico ed organizzativo all’attività prevista e disciplinata dal Regolamento) e una Commissione di Conciliazione (formata da un rappresentante del merchant e da un rappresentante dell’Associazione dei Consumatori coinvolti dal Regolamento), al fine di permettere che i reclami esperiti dal consumatore e diretti a Fifty S.r.l., nell’ipotesi in cui abbiamo avuto un esito negativo ovvero siano rimasti privi di riscontro, possano essere devoluti alla Segretaria Tecnica di Conciliazione e alla Commissione di Conciliazione, in modo da permettere a Fifty S.r.l. e al consumatore di risolvere la vertenza in modo extra-giudiziale.

 

Sintesi: Cos’è la Conciliazione Paritetica

 

1- Nell’ipotesi in cui il reclamo trasmesso dal consumatore alla Società abbia avuto un esito insoddisfacente per il consumatore ovvero sia rimasto privo di riscontro da parte della Società, quest’ultima si impegna a partecipare al tentativo di conciliazione eventualmente promosso dal consumatore, secondo le norme previste dal Regolamento di Conciliazione Paritetica .

 

2- La procedura di conciliazione può essere avviata solo qualora il reclamo presentato dal consumatore alla Società abbia avuto un esito non soddisfacente per il consumatore ovvero sia rimasto privo di riscontro nel termine entro il quale la Società si impegna a rispondere ai reclami, o in difetto nel termine di trenta giorni

 

3-  La procedura di conciliazione prevede l’obbligo da parte del consumatore di trasmettere la domanda di partecipazione alla Conciliazione Paritetica esclusivamente all’indirizzo conciliazione@consorzionetcomm.it ovvero al numero fax: 02.87181126.

 

4- La Domanda di Conciliazione Paritetica potrà essere inviata dal consumatore alla Segreteria Tecnica di Netcomm solo successivamente alla scadenza dei termini stabiliti per la gestione dei reclami o in assenza di detto termine, decorsi 30 giorni dall’ apertura del reclamo.

 

 

 

 

REGOLAMENTO CONCILIAZIONE PARITETICA

 

DISPOSIZIONI GENERALI

1. Il consorzio Netcomm e le Associazioni dei consumatori (d’ora in poi ASSOCIAZIONI) firmatarie del presente Regolamento definiscono, di comune accordo, la procedura di Conciliazione per la risoluzione stragiudiziale delle controversie relative all’acquisto di beni e servizi che possono insorgere tra il

consumatore e la singola impresa aderente al consorzio che ha ottenuto il Sigillo Netcomm e che ha aderito alla procedura di conciliazione (d’ora in poi MERCHANT).

2. Alla procedura di Conciliazione potranno far ricorso i singoli consumatori, così come

definiti dal Codice del Consumo.

3. Il presente Regolamento di Conciliazione viene redatto seguendo le indicazioni contenute nella Raccomandazione 257/98/CE e nella Direttiva 2013/11/UE che enunciano i principi applicabili agli organi responsabili per la risoluzione extragiudiziale delle controversie in materia di consumo.

 

REGOLAMENTO DI CONCILIAZIONE

Art. 1 – Segreteria Tecnica di Conciliazione

Presso la sede del consorzio Netcomm in via Pantano, 9 – 20122 Milano viene istituita la

Segreteria Tecnica di Conciliazione, la quale fornirà il supporto logistico ed organizzativo

all’attività prevista e disciplinata dal presente Regolamento. In particolare la Segreteria si

occuperà di:

- Ricevere le domande di conciliazione;

- Curare l’elenco dei conciliatori;

- Trasmettere la proposta ai conciliatori;

- Ricevere da questi ultimi riscontro;

- Redigere verbale e inviarlo ai conciliatori e al consumatore per la sottoscrizione.

 

Art. 2 – Commissione di Conciliazione

La Commissione di Conciliazione è formata da un rappresentante del MERCHANT

coinvolto e da un rappresentante dell’ASSOCIAZIONE firmataria del presente

Regolamento, designata dal consumatore, ovvero, in assenza di sua indicazione,

designata dalla Segreteria secondo un criterio turnario, previa risposta di accettazione o di

rifiuto della domanda da parte dell’ASSOCIAZIONE da effettuarsi entro 7 giorni.

 

Art. 3 – Accesso alla procedura di Conciliazione

1. Il consumatore può avere accesso in maniera gratuita alla procedura di Conciliazione

ogni volta che, presentato un reclamo ad uno dei MERCHANT aderenti, abbia ricevuto

una risposta ritenuta insoddisfacente, ovvero non abbia ricevuto alcuna risposta. La

gratuità della procedura non pregiudica la possibilità, da parte delle ASSOCIAZIONI, di

richiedere, in piena autonomia, una quota d’iscrizione e di poter accedere, attraverso

progetti, a finanziamenti specifici.

2. Il consumatore conferisce al conciliatore dell’ASSOCIAZIONE mandato di

rappresentanza ed assistenza al fine di individuare una proposta per la composizione

3. La domanda di Conciliazione può essere inviata:

 In caso di risposta insoddisfacente al reclamo: dal giorno successivo al suo

ricevimento;

 In caso di mancata risposta: successivamente alla scadenza dei termini stabiliti

dal singolo MERCHANT per la gestione del reclamo, ovvero in assenza di detto

termine, decorsi 30 giorni dalla spedizione del reclamo.

4. Il consumatore ha la facoltà di avviare la Procedura di Conciliazione presentando

domanda tramite le ASSOCIAZIONI ovvero direttamente presso il sito del Consorzio

Netcomm o del MERCHANT coinvolto.

 

Art. 4 - Procedimento di Conciliazione

1. La Procedura di Conciliazione si intende instaurata all’atto in cui alla Segreteria

perviene una domanda attraverso i canali previsti dal comma 4 dell’art. 3.

2. Il consumatore, con la sottoscrizione della domanda, dichiara di non aver presentato

ricorso all’autorità giudiziaria per dirimere la controversia in questione e si impegna a

comunicare preventivamente alla Segreteria la rinuncia alla domanda, qualora intenda

adire l’autorità giudiziaria.

3. La Segreteria iscrive ogni domanda su un apposito registro dei procedimenti di

Conciliazione, attribuendo ad essa un numero progressivo.

4. A seguito della ricezione della domanda, la Segreteria è tenuta a valutarne la

ricevibilità secondo le norme contenute nel comma 3 dell’art. 3 del presente

Regolamento e a convocare la Commissione di Conciliazione entro 30 giorni.

5. Dopo la presentazione della domanda di Conciliazione il componente della

Commissione che rappresenta il consumatore ha accesso, nei limiti di legge, alla

documentazione relativa al caso prospettato.

6. Le riunioni della Commissione di Conciliazione non sono pubbliche e le informazioni

fornite nel corso delle sedute devono considerarsi riservate.

 

Art. 5 – Conclusione della procedura di Conciliazione

1. Al termine del procedimento la Segreteria redige un verbale con una proposta di

conciliazione che viene sottoscritto dai componenti della Commissione e viene inviato

al consumatore. Se questi accetta, la procedura si conclude con la sottoscrizione di un

verbale che ha efficacia di accordo transattivo, ai sensi dell’art. 1965 cod. civ.

Il verbale deve essere rinviato alla Segreteria entro e non oltre 10 giorni lavorativi.

2. Viene redatto un verbale di mancata conciliazione nei seguenti casi:

a. Mancata individuazione di una proposta di soluzione da parte della

Commissione;

b. Mancata accettazione da parte del consumatore della proposta formulata dalla

Commissione;

c. Mancato rinvio del verbale contenente la proposta formulata dalla Commissione

nel termine dei 10 giorni previsti.

3. Il termine per l’esperimento della procedura di conciliazione è fissato in sessanta giorni

dal ricevimento della domanda da parte della Segreteria.

4. Le Parti si impegnano a non rivelare ovvero pubblicare o comunque rendere disponibili

a terzi qualsiasi documento ovvero informazione o circostanza di cui siano venuti a

conoscenza in occasione della procedura di conciliazione. Sono fatti salvi gli obblighi di

legge.

 

Art. 6 – Comitato paritetico di coordinamento

1. Il consorzio Netcomm e le Associazioni dei Consumatori costituiscono un Comitato

paritetico di coordinamento della procedura di Conciliazione. Il Comitato, sulla base dei

risultati raggiunti e delle esperienze maturate, fornirà indicazioni alla Segreteria Tecnica di

Conciliazione e potrà modificare il presente Regolamento per renderlo sempre più

efficiente e rispondente alle esigenze delle parti. Di norma il Comitato si riunisce una volta

l’anno, ma potrà essere convocato dalla maggioranza qualificata dei suoi componenti.

2. Ai componenti del Comitato non è dovuto alcun compenso.

 

 

Milano, 21 luglio 2014

 

Consorzio Netcomm